ASSOCALZATURIFICI porta le aziende italiane in Turchia

assocalzaturifici
Assocalzaturifici organizza una collettiva di aziende italiane alla fiera internazionale Aymod in Turchia. Il Presidente Siro Badon: “In questo momento più che mai dobbiamo sostenere il Made in Italy all’estero, unico driver per la ripresa economica post pandemia” 


La scarpa italiana sbarca in Turchia. Assocalzaturifici organizza una collettiva di aziende italiane in occasione della fiera internazionale Aymod in programma dal 31 marzo al 3 aprile 2021 ad Istanbul. Sono quattordici infatti le imprese partecipanti, brand tra i più rappresentativi della calzatura italiana.


Siro Badon, Presidente Assocalzaturifici

La Turchia è sì un grande produttore, ma costituisce anche un mercato dalle grandi potenzialità – dichiara Siro Badon, Presidente Assocalzaturifici – A livello mondiale, è il 6° produttore di calzature in quantità, con 535 milioni di paia nel 2019, ed il 6° per export con 275 milioni di paia, ma la produzione locale si colloca su una fascia di mercato decisamente diversa da quella degli operatori italiani. Secondo le elaborazioni del Centro Studi Confindustria Moda su dati ISTAT, il nostro Paese ha esportato, nei primi 11 mesi del 2020, 760.242 paia di scarpe (-9,1%, una flessione meno grave di molti altri mercati, in un anno così difficile) pari ad un valore di 42,08 milioni di euro (-14,3%), con un prezzo medio per calzatura di 55,35 euro (-5,7%). Le prime tre regioni italiane per export sono Lombardia, Veneto e Marche che coprono il 64% del totale. Nonostante la difficile situazione economica in cui versa attualmente, la Turchia è un mercato da tenere in considerazione per le produzioni di qualità medio alta del nostro calzaturiero ed è raggiungibile anche in tempi di emergenza pandemica in sostanziale sicurezza. Per questo continuiamo, in Turchia e in altri importanti mercati, a supportare le nostre imprese nell’internazionalizzazione aiutandole nella partecipazione alle fiere estere che tuttora rappresentano una grande opportunità per entrare in contatto con gli operatori locali e ampliare le possibilità di business”.


Assocalzaturifici continua dunque il suo impegno nel sostenere il comparto, non solo attraverso il Micam Milano Digital Show, aperto la settimana scorsa, con un ricco programma di eventi b2b online dedicati alle aziende ma anche mantenendo vivo il presidio sui principali mercati di esportazione. 

La Turchia, a differenza di tanti altri Paesi dell’area euro-asiatica, ha mantenuto aperti i propri confini agli ingressi per affari da e per alcuni mercati strategici come Russia, Paesi del Caucaso, Asia Centrale. – continua Badon– La creazione di questi corridoi verdi rappresenta in questo momento una soluzione interessante per tornare a incontrare la clientela con cui non è possibile interloquire in presenza in Italia o nei paesi d’origine. Non dimentichiamoci, tra l’altro, che la Turchia rappresenta tuttora uno dei Paesi produttori più importanti al mondo e AYMOD continua ad essere un hub regionale con un bacino di influenza sul trade significativo, particolarmente focalizzato sul Medio Oriente. E’ un Paese giovane, dinamico, che ha voglia di mantenere un ruolo importante all’interno della filiera moda-calzature; con cui Assocalzaturifici, forte della propria posizione di rappresentante della più importante industria calzaturiera europea, ritiene importante mantenere un rapporto costruttivo e di prospettiva per gli anni futuri. È nostro dovere cercare di aiutare le nostre aziende a raggiungere e trovare nuovi clienti. In questo momento più che mai dobbiamo sostenere il Made in Italy, unico driver per la ripresa post pandemia”.
www.assocalzaturifici.it