THIERRY RABOTIN L’ eleganza della comodità

thierry rabotin
Amato da una femminilità fashion forward, il brand di calzature 100% made in Italy punta sull’innovazione stilistica e dei materiali senza rinnegare la sua vocazione al comfort ha fatto della comodità la sua vocazione senza negare il piacere per la personalità e l’eleganza dello stile italiano. Oggi il brand Thierry Rabotin, nato dalla collaborazione tra l’omonimo designer di calzature, prematuramente scomparso lo scorso agosto, Giovanna Ceolini e Karl Schlecht, è tra i leader nella realizzazione di calzature confortevoli 100% made in Italy pensate per la donna dinamica che ama sentirsi a proprio agio, ma anche in armonia con la dimensione estetica e al passo con i nuovi trend. Andreas Schlecht e il fratello Thomas, futura guida di Parabiago Collezioni, ci svelano al Micam le chiavi del successo di un’azienda da sempre sulla cresta dell’onda, nel cui stabilimento, in esclusiva, nascono creazioni conosciute e richieste in tutto il mondo.

Andreas Schlecht Giovanna Ceolini

Andreas Schlecht con Giovanna Ceolini, amministratore unico di Parabiago Collezioni e vicepresidente di Assocalzaturifici – Andreas Schlecht and Giovanna Ceolini, sole administrator of Parabiago Collezioni and vice president of Assocalzaturifici

Andreas Schlecht, quali sono le novità protagoniste della prossima stagione invernale? La nuova collezione per la prossima stagione fredda rafforza, con le tre linee studiate per la donna contemporanea, i concetti fondamentali di comfort, dinamicità ed eleganza. Temi di riferimento per la linea TR1, quella un po’ più sportiva, dedicata a un target più giovane, sono London 70’s e Ziggy Stardust (l’alter ego di David Bowie, ndr): stelle, glitter, vernici con combinazioni di colore puro nelle tonalità del rosso, blu e verde definiscono scarpe e stivaletti dalle ardite geometrie delimitate da morbidi elastici. La ricercata collezione couture è stata invece ideata in collaborazione con la designer americana Nancy Osborne. La fonte di ispirazione è il circo con il suo meraviglioso mondo nato per stupire. Ogni dettaglio ne evoca i luoghi e i costumi: tacchi in corno dipinti a mano, ricami che ricalcano lo spettacolare piumaggio dei pavoni, nappe e pony morbidissimi che si affiancano a nuovi materiali con un’anima in alluminio. La linea Thierry Rabotin, infine, tiene viva l’immagine classica del marchio evolvendo nel contemporaneo: senza rinnegare il sapiente uso dei tessuti elastici studiato per valorizzare comfort e dinamicità, sperimenta nuovi colori in vernice, nuovi materiali (come il “domino” e il “reale” dalle trame molto particolari) e nuove tecniche di lavorazione. Esordisce un morbidissimo camoscio con pois dipinti a mano.

thierry rabotin

La linea TR1 dedicata alla Londra degli anni Settanta e al personaggio di Ziggy Stardust

L’innovazione insomma si innesta sulla tradizione così come la tradizione non può astenersi dal considerare l’innovazione. Nel momento in cui sei “taggato” come “scarpa classica” è difficile sfondare quel muro. I nostri grandi classici costituiscono un caposaldo continuamente richiesto, tuttavia stiamo cercando di convincere la clientela ad acquistare anche qualcosa di diverso. Ci siamo concentrati sulla giovane linea TR1 e il prodotto sta funzionando, piace molto: ne abbiamo avuto riscontro a Londra e al FFANY di New York, prima che al Micam. Siamo fieri della nostra artigianalità 100% made in Parabiago, dell’estrema comodità delle nostre calzature, ma investiamo continuamente nella ricerca di materiali nuovi su cui esprimerci. Lo stilista Massimo Balbini, aiutante ed erede di Rabotin, ha tenuto vivo lo stile di Thierry. L’80% della nostra produzione porta avanti la pregiata lavorazione a sacchetto ma, per

thierry rabotin

La linea Thierry Rabotin: il classico rinnovato nella sperimentazione dei materiali. Protagonista assoluto, il morbidissimo camoscio con pois dipinti a mano

incrementare ulteriormente la qualità del prodotto e distinguerlo agli occhi del mercato, amiamo giocare coi particolari, sfidare le regole, confrontarci con le difficoltà.

Quali sono i vostri principali mercati di riferimento? L’America, la Russia, la Germania e la Francia sono i nostri maggiori paesi di esportazione. La Cina sta crescendo in maniera interessante insieme col Giappone. L’anno prossimo festeggeremo i vent’anni dalla nascita del calzaturificio Parabiago Collezioni, anche se la collaborazione tra i miei genitori e Thierry Rabotin risaliva già a fine anni Ottanta. Una storia fatta di unanimità di intenti e capacità imprenditoriale, che ha portato in tutto il mondo uno stile ineguagliabile e un prodotto difficile da copiare.
www.thierryrabotin.com